Campi al coperto da padel, la polemica e’ “servita”

campi-al-coperto-da-padel,-la-polemica-e’-“servita”

Da mesi ormai il padel, sport a metà tra il tennis e lo squash, ha preso piede anche in tutta l’alta valle del Tevere ma a Sansepolcro, l’allestimento del primo impianto indoor fa discutere. Da circa due settimane infatti sono stati aperti due campi da padel, coperti da un’imponente tensostruttura costruita all’interno dell’Acquapark Pincardini, e gestiti anche da un circolo tennis esterno. Un’attività sportiva privata che però in questi giorni sta dando vita a un acceso dibattito pubblico. Punti della discordia, da quanto si legge sulle discussioni social e ascoltando alcuni malumori dei residenti in zona, sarebbero l’eccessiva grandezza della copertura vicina alla mura storiche e la sua per cosi dire scarsa compatibilità estetica con l’ambiente intorno. Qualcuno addirittura lo definisce uno scempio. Alcuni residenti poi lamentano rumori e schiamazzi che vengono dai campi e il traffico derivante dal parcheggio dell’impianto a cui si accede tramite via Barsanti. Ovviamente c’è anche chi apprezza l’iniziativa, soprattutto dal punto di vista sportivo e imprenditoriale, che porterebbe a riqualificare una zona poco valorizzata. Il riferimento è allo stato di degrado della ferrovia, qualche metro più in là, ormai ricoperta di vegetazione. Lì non attecchisce nemmeno la padelmania.

Ultime notizie di Attualità per Sansepolcro

Soroptimist distribuisce sacchetti alle farmacie per dire

Patto per la sicurezza: accordo fra Comune e Prefettura